JoomlaTemplates.me by Discount Bluehost

91 – L’EVANGELIZZAZIONE E LA PARROCCHIA

Categoria: C- Rapporti con gli altri preti Pubblicato: Sabato, 31 Agosto 2019

La chiesa esiste per l’evangelizzazione. La parrocchia esiste per l’evangelizzazione. I preti sono i primi evangelizzatori. Qui desideriamo sottolineare come l’evangelizzazione deve essere compiuta nella sinodalità.

Iniziamo con un tuffo nella storia.
La sinodalità è la risposta della Chiesa al cambiamento civile portato dalla rivoluzione francese. Una risposta che viene 200 anni dopo. Non per niente il Card. Martini disse che la chiesa è indietro di 200 anni. Cioè è ferma al tempo della rivoluzione francese.
Prima della rivoluzione francese ogni autorità era pensata discendente direttamente da Dio. Le autorità al top erano due: il Papa e l’imperatore del Sacro Romano Impero (il quale allora era praticamente imperante solo in Germania, mentre i vari re europei avevano raggiunto una loro autonomia).
Con la rivoluzione francese la sovranità passava al popolo che la esprimeva con la Carta costituzionale.
Nella Chiesa si è continuato a riconoscere la sovranità assoluta del Papa, quindi di ogni vescovo e di ogni parroco. 
 Poichè la cosa non era sostenibile, il Papa ha rinunciato nel secolo scorso al faldistorio, poi alla tiara … ;  ma erano solo segni esteriori. 
La soluzione definitiva arriva ora: l’autorità va esercitata entro la sinodalità. “Ciò che riguarda tutti, da tutti deve essere discusso e approvato. E’ un principio forgiato dalla grande tradizione cristiana, non a caso ripreso dal Vaticano II e ribadito da papa Francesco”. (Enzo Bianchi, Vita Pastorale 3/18, pag 55).

L’evangelizzazione oggi. Occorre “creare ponti tra la novità dell’evento di Gesù e gli uomini e le donne di oggi, soppesando tutto quello che in questi ultimi potrebbe agevolare o al contrario impedire la desiderabilità della fede” (Armando Matteo, I teologi nel magma della postmodernità – da Avvenire 18/8/2019).  Ogni cristiano è chiamato a guardare all’esperienza con uno sguardo di fede, ed è quindi chiamato a esternare, a comunicare, a condividere con altri cristiani questo suo sguardo di fede, realizzando così la sinodalità, il camminare insieme.

L’evangelizzazione esprime come la fede illumina la vita, non ferma l’attenzione solo sulle esperienze umane, e nemmeno solo sulle cose sacre. Parla di ciò che è reale al di sopra dell’esperienza umana. Non è fatta dunque per convincere, va buttata là, e capisca chi può. “Contemplata aliis tradere” scriveva
S. Tommaso d’Acquino.

E’ forte la tentazione di ridurre l’evangelizzazione al compiere le azioni della chiesa come si è sempre fatto, confidando che – come si usa dire in cucina – “tutto fa brodo”. L’evangelizzazione è una realtà distinta dalle varie azioni della chiesa: le deve illuminare e innervare tutte. Perciò è la prima realtà sulla quale deve intervenire la sinodalità. L’evangelizzazione, testimonianza della fede, unita alla sinodalità, provoca seri cambiamenti in parrocchia.

Nella chiesa che accoglie il principio della sinodalità il potere non è più unicamente nelle mani di alcuni (Papa, vescovi, parroci); ma il potere diventa “servizio” all’evangelizzazione, che impegna tutti i fedeli, ognuno col suo ruolo e con le sue capacità. 
Non è più accettabile una guida verticistica della parrocchia perchè non tiene conto che ogni battezzato è sotto l’azione dello Spirito Santo.
Il primo cambiamento è che nella chiesa nessun battezzato che coltiva e sviluppa la sua fede può essere considerato semplicemente esecutore di progetti del parroco. Tanto meno un consacrato presbitero o diacono o religioso può essere chiamato un aiuto del parroco.
Se i parroci si difendono affermando che non ci sono laici preparati, si può controbattere sia facendo notare che dei laici vengono emarginati proprio perché capaci di agire in prima persona responsabilmente, sia chiedendo ai parroci che cosa dettagliatamente stanno facendo per promuovere un laicato all’altezza della sua vocazione.                                                                                                                             

Visite: 51